Scuola di tifo, il CIA in prima linea

A seguito dei gravi fatti di violenza sportiva accaduti al termine della scorsa stagione la nostra Commissione CIA ha rafforzato la campagna di sensibilizzazione e di educazione sportiva che già aveva messo in atto con chiari segnali di presenza e attenzione sulla figura dell’arbitro e sul lavoro che c’è intorno ai nostri tesserati, con la sensibilizzazione del Giudice Sportivo su quanto avviene nei campi della provincia, con l’apertura di strumenti e materiali tecnici a un pubblico anche non tesserato affinché possa crescere la cultura tecnica sportiva nel territorio.
Ma non ci siamo limitati a questo, da quest’anno abbiamo ottenuto l’istituzione della Coppa Disciplina per tutti i campionati provinciali che andrà a premiare quelle società che riusciranno a creare nel campo di gioco ma anche fra gli spalti un clima positivo e sereno, quelle società capaci di creare nel loro palazzetto il vero ambiente sportivo.  Sarà un progetto pilota per la regione che se porterà dei risultati sarà condiviso nella prossima stagione anche ai campionati regionali.
Ma non è ancora tutto, la Commissione CIA di Treviso fa parte del gruppo di lavoro del Progetto Tifiamo Insieme che vedrà la sua massima espressione nella giornata di lunedì 10 nella Provincia di Treviso. Un progetto realizzato dalla Cooperativa Comunica con il patrocinio della Provincia di Treviso che negli svariati incontri avvenuti durante gli ultimi mesi ha stilato un accordo, una dichiarazione d’intenti che il CONI, la Questura, le maggiori Federazioni sportive e le maggiori sezioni arbitrali della provincia firmeranno lunedì sera al termine del convegno intitolato “Un gioco di squadra per un tifo autentico”.
Un impegno per tutte le Federazioni affinché si impegnino di comune accordo a sviluppare e far crescere la cultura del tifoso come reale supporto della propria squadra e pongano in essere tutte le misure affinché le società sportive diventino promotori di comportamenti corretti in tutte le loro componenti e in tutti i livelli.
La giornata del 10 si dividerà in tre momenti: il primo dalle 9 alle 10.30 dove il nostro arbitro internazionale Roberto Chiari rappresenterà il nostro gruppo nell’incontro plenario con gli studenti delle scuole medie della provincia di Treviso dove i ragazzi potranno porre delle domande a giocatori arbitri e forze dell’ordine, sul tifo, ma anche sullo sport di squadra, i valori, la carriera sportiva. Il secondo alle 10.30 dove gli studenti potranno girare per gli stand delle Federazioni, fra cui quello del nostro Comitato che conterrà una zona dedicata al progetto di reclutamento nazionale “Fischiando Giocando”. Il terzo con il convegno che si terrà a Sant’Artemio, nella sede della Provincia di Treviso, dalle 17.30 alle 20.00 in cui si parlerà dello sport e del tifo in tutte le sue forme e si presenteranno i risultati dei tavoli tecnici che hanno portato alla realizzazione della dichiarazione d’intenti.
E’ bello che una volta tanto i discorsi che vengono fatti dopo i casi di violenza o di situazioni negative per il nostro ambiente portino effettivamente a muovere qualcosa, vedere che non rimangano solo delle pagine nere nella storia degli arbitri ma siano dei punti di riflessione da cui si possa anche tirare fuori qualcosa di buono.
Mi sembrava doveroso dirvi tutto ciò soprattutto nel rispetto di chi quel giorno a Ponzano ha dimostrato cos’è il nostro gruppo indossando la maglietta ufficiale sugli spalti e credendo che quel semplice gesto a qualcosa potesse servire.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.