zanatta-gruppo-arbitri

Memorial Zanatta 2019: solo soddisfazioni per i nostri ragazzi di Treviso

Come vi abbiamo aggiornato sui social anche alcuni dei ragazzi del gruppo elite (promozione e serie D) hanno partecipato al Memorial Zanatta, prestigioso torneo nazionale under 14 organizzato dalla Reyer Venezia Mestre.

arbitri-zanatta-2019
Il gruppone dei grigi del Memorial Zanatta 2019

Tempo di lettura 5′

Vi scriviamo quest’oggi il reportage da un altro torneo, e che torneo! Torniamo in Veneto in questo viaggio tra le varie manifestazioni invernali dove abbiamo visto impegnati gli arbitri della Marca.

Stiamo parlando del Memorial Zanatta, importante torneo che riguarda la categoria under 14, alcuni dicono che sia un antipasto delle finali nazionali, che da qualche anno sono state aggiunte anche nella categoria under 14, dove anche Ismaele, trevigiano attualmente in Serie C Silver, ha avuto la fortuna di parteciparvi due anni fa (vedi articolo).

16 arbitri e 3 istruttori, 7 dei quali da Treviso: Thomas Baccin, Leo Valent, Eric Casagrande, Noemi Zussa, Alessio Sanson e Stefano Cuka. Mentre come istruttore responsabile Alberto Perocco, nostro arbitro di A2.
Alcuni dei nostri ragazzi hanno arbitrato semifinali e finali decisive del torneo: Noemi Zussa ha arbitrato la semifinale tra SMG Latina e Blurobica con due colleghi del GAP Vicenza e Venezia (un arbitro standby); mentre Stefano Cuka ha arbitrato l’altra semifinale con due ragazzi da Vicenza e Verona.
Anche le finali hanno parlato trevigiano: al Taliercio la finale 3°-4° posto ha visto in campo di nuovo la nostra Noemi e Alessio Sanson. A tal proposito Noemi ci ha detto:“Sono molto entusiasta di questo risultato: è stata una bella gara! Però un’altra partita importante è stata la semifinale, nella quale ho arbitrato assieme ad altri due arbitri. È stata un’esperienza nuova che ci ha messi alla prova e ha richiesto molta concentrazione. Grazie ad un buon lavoro di squadra, siamo riusciti a portare a termine la partita nel migliore dei modi e divertendoci.”
Nella finale invece l’arbitro opitergino Stefano Cuka assieme a Davide Testolin, hanno diretto magistralmente la gara tra Olimpia Milano e SMG Latina con la vittoria della prima.

Ma andiamo a vedere com’è andata per 4 dei nostri arbitri!
Noemi ci racconta la giornata tipo:

Il mattino dopo aver fatto colazione, ci recavamo con gli istruttori nei vari campi distribuiti tra le province di Treviso e Venezia. Nei momenti in cui non arbitravamo, ci focalizzavamo sull’analisi delle partite dei nostri colleghi confrontandoci tra di noi e cercando di capire meglio le decisioni e i comportamenti da tenere in campo. Il pranzo lo facevamo a gruppetti, per questioni di orari, mentre la cena tutti insieme.
Dopo cena, nella hall dell’hotel, da noi trasformata in sala riunioni, facevamo il resoconto della giornata e parlavamo delle partite dell’indomani con l’ausilio degli istruttori. Infine, tutti nelle camere ad aspettare con ansia le designazioni e a letto per ricaricarsi per la giornata successiva!

Thomas invece, seppur non avendo arbitrato le gare più importanti, dice di essere rimasto soddisfatto dell’esperienza per un incontro speciale:

Bisogna essere felici quando si partecipa a questi tornei, indipendentemente dal risultato, perché si ha la possibilità di confrontarci con istruttori e allenatori che ne sanno sicuramente molto di più di noi di basket. In questo torneo ho incontrato moltissime persone, quella che però mi ha impressionato di più è stato Maurizio Biggi. Da lui, dopo aver arbitrato, ho ricevuto dei consigli che sicuramente mi saranno utili per il mio futuro arbitrale.

Un altro arbitro molto soddisfatto dell’esperienza è stato il nostro simpaticissimo Leo Valent:

Il torneo è stato molto interessante e proficuo sotto ogni punto di vista. Le partite arbitrate erano di un livello abbastanza alto e sempre seguite da un istruttore molto preparato.
Ho arbitrato la finale 11°-12° posto, che all’apparenza può sembrare una finale non molto bella e scontata, che in realtà però ha riservato una partita di discreto ritmo, data anche l’importanza del torneo e mi sono divertito comunque!

cuka-stefano-zanatta-premiazione

Mentre Stefano, “finalista” del torneo, uomo di poche parole, ci dice come è cresciuto in questo torneo:

“Sono migliorato soprattutto nella collaborazione nella coppia arbitrale e nel rapporto con i coach, cioè come relazionarsi, rispondendo alle loro domande ma anche mantenendo una certa distanza”

La parola che però è rimasta impressa a tutti è stata la parola assertività. Una parola molto importante se si vuole diventare un arbitro di qualità!

Rimanete connessi! Domani pubblicheremo l’ultimo capitolo dei nostri più importanti tornei invernali con un altro torneo nazionale!

Stay Tuned!

M3

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.