Federico Berton. Il Responsabile Miniarbitri di Treviso.

Oggi andiamo a presentare il Responsabile Miniarbitri di Treviso: Federico Berton. Fede è un ragazzo molto intelligente e con una grandissima voglia di fare bene. E’ un esempio dentro e fuori dal campo per i più giovani, mai una parola fuori posto, sempre disponibile ad ascoltare consigli, un gran lavoratore, ma soprattutto, uno studente con voti eccellenti a scuola, e questa è la cosa che ci rende più orgogliosi. Ma non dilunghiamoci troppo in elogi che è il momento di alzarsi sui pedali perchè il lavoro da fare è molto. Andiamo a fare due parole con il Responsabile Miniarbitri:

Fede qual è la situazione nel Settore Giovanile CIA Treviso in questo momento?
Il gruppo Miniarbitri di Treviso ad oggi è uno dei più numerosi a livello nazionale, e si distingue oltre a questo per il grande lavoro effettuato settimanalmente con i ragazzi. Veniamo da un’estate che per noi non è stato un periodo di pausa, ma un periodo di lavoro in preparazione al Referee Junior Camp che, anche quest’anno, ha riscosso un grandissimo successo. La nostra situazione quindi è sicuramente molto positiva, ma non abbastanza: non ci accontentiamo ancora!

Cosa ti aspetti dalla stagione che sta per iniziare?
La stagione 2017/2018 sarà sicuramente una nuova avventura, piena di novità in tutti gli ambiti. Avremo a disposizione un nuovissimo staff carico e desideroso di far crescere il movimento arbitrale Giovanile di Treviso. Abbiamo in mente di impostare un progetto che segua i ragazzi con costanza, che li faccia sentire parte di un gruppo, non solo di arbitri ma di amici. Il nostro obiettivo primario è proprio questo: arrivare a fine stagione con un gruppo numeroso, coeso, che abbia voglia di arbitrare, ma anche di uscire con i colleghi/amici per una pizza o per andare a vedere una partita tutti assieme.

Quali progetti hai in mente?
Abbiamo pensato di creare un flusso continuo di informazioni all’interno del gruppo, in modo da essere in contatto assiduo e per aumentare la conoscenza tra di loro. Per questo divideremo la provincia in zone, ognuna delle quali avrà un “fratello maggiore”, ovvero un punto di riferimento che avrà il compito di creare una relazione continua con i ragazzi, per conoscerli non solo dal punto di vista arbitrale, ma anche nella loro vita quotidiana. Creeremo poi dei “giochi di gruppo” sotto forma di esercizi, per far sì che i Miniarbitri si confrontino tra di loro anche dal punto di vista tecnico. Un’altra iniziativa, che verrà implementata rispetto agli anni scorsi, sarà il progetto “Arbitri in campo” al Palaverde, dove i ragazzi avranno la possibilità di scendere in campo assieme agli arbitri di serie A2. Super novità di quest’anno sarà invece l’allenamento del GAP, a cui vorremmo che partecipassero quanto più possibile anche i Miniarbitri per potersi allenare e mettere in pratica le nuove conoscenze in una partitina a fine allenamento.

Ci saranno nuovi corsi questa stagione?
Certo, certo. Già il Referee Camp di quest’estate ha sfornato otto nuovissimi ragazzi, tutti abili e arruolati, pieni di voglia di arbitrare, che cominceranno sin da subito a dirigere le partite dei primi campionati giovanili. Oltre a questo, per il 24 ottobre (tra l’altro data di lancio della sonda “Deep Space 1” e 219° compleanno di Massimo d’Azeglio) è fissato l’inizio di un nuovo corso che speriamo, e ci aspettiamo, riscuota un grande successo e registri un boom di iscrizioni. Per iscriversi è sufficiente cliccare sul link (www.diventarbitro.it) oppure scrivere a cia@veneto.fip.it. L’aiuto di tutti è fondamentale: spargete la voce!

Come vedi il gruppo Miniarbitri di Treviso alla fine di questa stagione?
A giugno del 2018 vedo un gruppo da far invidia a molti altri a livello nazionale, sia per numeri che per affiatamento e livello tecnico. Per arrivare a questo obiettivo servirà molto lavoro: non basterà l’impegno di tutto lo staff Miniarbitri, servirà anche il vostro supporto!

Grazie mille Fede per questa intervista, e in bocca al lupo per questa nuova stagione che è alle porte!!

@GapTreviso

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.